Sunday, September 29, 2019

Educación: una reflexión personal

Decidí escribir esta reflexión personal sobre educación luego de una larga observación en varios sectores y grados escolares, tal vez no vaya profundizando mucho pero haré unas criticas comparando mi experiencia personal.

Primeramente es importante decir que la educación empieza en casa, estamos hablando de educar a los jóvenes para que se puedan desarrollar de manera oportuna y que un día sea adultos competentes y productivos para la sociedad, que tengan valores y sentido humano.

Vamos a empezar:

Nivel preescolar
Tengo que hacer una crítica muy grande a aquella persona que empezó a llamar maternal y preescolar como guardería. ¿O sea, estamos guardando a nuestros hijos ahí? ¿Los estamos estacionando nomás? Si les dejamos este nombre no podemos exigir que se implemente un programa educativo que incluye un desarrollo psico-motriz, emocional, y más. Mis hijos tuvieron la suerte de tener buenas maestras en esta etapa de su vida y no tengo ninguna queja al respecto. Lo que no me gusta mucho es que las maestras de último grado de preescolar enseñan a leer y escribir a los niños cuando normalmente es deber del maestro de primero de primaria.

Primaria
La primaria dura 6 años, en Italia en cambio dura sólo 5. Como dije en el párrafo anterior, aquí en México muchos niños entran a primero de primaria que ya saben leer y escribir. En Italia el preescolar no es obligatorio, así que un niño puede ingresar por primera vez en una institución educativa hasta el primero de primaria sin saber absolutamente nada.
Para un más proficuo desarrollo a nivel grupal se debería implementar un programa igual para todos y no es conveniente tener en el mismo salón de clase niños más adelantados que otros.
Uno de los problemas más grandes que he visto en los adultos como ten los jóvenes y niños también es la falta de una buena ortografía y competencia matematica básica, me explico: los niños están en la escuela y tal vez es comprensible que tengan errores, pero los jóvenes preparatorianos y universitarios como los profesionistas, hasta docentes con doctorado, no tienen excusas. Estoy consciente del hecho que la tecnología hizo que se perdiera la voluntad de agarrar una pluma y escribir en una hoja de papel, pero si uno quiere mejorar su ortografía sería suficiente bajar un corrector ortográfico. ¿Vamos a culpar a los actuales jóvenes y adultos por su insuficiente ortografía? Yo diría que sólo en parte, porque si quieren mejorar depende de ellos pero mi crítica está dirigida al sistema educativo de primero y segundo de primaria.
Tengo un gran respeto hacia todos los normalistas y maestros que dedican sus vidas en la educación básica, actualmente estoy estudiando una maestría y el 95% de mis colegas son maestros de primaria y secundaria, de verdad me quito el sombrero hacia ellos sabiendo todo lo que tienen que hacer, pero sí... hay un pero, hacen mucho, a veces demasiado, pero todo lo que hacen (programa de la secretaría de educación pública) no es suficiente y me refiero en lo específico a la ortografía: se podría recortar el programa de unas 20 horas durante el año escolar y dedicar estas 20 horas a mero dictado y revisión del mismo, educar a los niños a la lectura, hacer resúmenes y otras actividades para mejorar su escritura. Cuando yo era niño no había internet, tablets etc. y todos los apuntes se tomaban en el cuaderno, las definiciones importantes las dictaba la maestra y luego las revisaba.
Lo mismo pasa con los conceptos de matemáticas básicas, hoy en día si les pedimos a cualquier persona que haga una suma o una resta muy sencilla, tipo tengo que pagar 137 pesos con 40 centavos y quiero pagar con un billete de 200 pesos, el cajero tiene que sacar la calculadora porque no es capaz hacer mentalmente una resta y que le de el resultado de 62 con 60 de cambio. 
Yo siempre he sido bueno en matemáticas pero tengo que agradecer a la monja que me dio clases en primaria que nos retaba continuamente con problemas y operaciones más y más complejos, e hice exactamente lo mismo con mis hijos, si les pregunto cuánto es 16 x 17, tal vez tarden un rato, pero lo pueden hacer mentalmente, y el truco es sencillo (ahora se lo explico), se debe tomar uno de los dos números y luego reducir el otro así que vamos hacer 16 x 10 + 16 x 5 + 16 x 2, de esta manera es mucho más fácil encontrar el resultado : 160 + 80 (la mitad de la primera operación) + 32 por un total de 272. Considero que los papás se deberían comprometer más en la educación académica de sus hijos, en la escuela hay solo mediadores de la información pero el trabajo más grande está en casa.
Uno de los temas más importantes que trata también otra área en la que trabajo es la inclusión, aquí en México se trabaja mucho en ella, pero por lo que vi en Italia, no hay problema respecto a la integración de otros alumnos con algún déficit neosensorial o motor sino por sus creencias religiosas o por su País de procedencia, desafortunadamente el racismo juega un papel un poco feo en mi tierra natal. 

Secundaria
Los maestros tienen demasiados alumnos, en ocasiones tienen hasta 40 o 45 en el mismo salón y la verdad es antipedagógico, cuando hay muchachos con necesidades especiales, los maestros ya están con demasiado trabajo y no quieren comprometerse para saber más y mejorarse profesionalmente. Por esta razón tuve que cambiar a mi hijo de una escuela pública (en la que siempre confié) por una particular, donde la atención es más cuidadosa y todos los docentes siempre están al pendiente de todos los alumnos de manera individual. Considero que si los grupos fueran de máximo 25/27 alumnos se podría ver un cambio en pocos años.

Preparatoria
En este caso no tengo mucho que decir, en los primeros grados hice un comentario porque viví el programa educativo a través de mis hijos, que pero aún están ahí. Este año empecé a trabajar en la preparatoria del Tec y el programa de estudio es maravilloso, no quiero hacer puros halagos porque me están pagando, pero la verdad todo el equipo de trabajo se preocupa por el estudiante, el enfoque es totalmente humanista (para los que no saben que quiere decir esto, es que el alumno está al centro de todo), la misma institución se preocupa para que el docente se prepare para conocer el mismo perfil del docente, para conocer como es el perfil del estudiante actual, hay cursos de formación continua que ayudan mucho a cambiar perspectiva y manera como trabajar con el alumnado. Bueno todo esto desde la institución hacia el docente, hablemos un poco de los alumnos. Respecto a mi experiencia personal puedo ver que el comportamiento del adolescente poco ha cambiado a lo largo de las décadas, si los dejamos solos aprovechan para platicar de cualquier cosa, la problematica más grande hoy en día es el uso indiscriminado de la tecnología (celular y tablet) durante la hora de clase. ¿Qué puedo decir de los alumnos? 
Respecto a mi materia la mayoría son muy cumplidos, les gusta aprender, les gustan los desafíos a través de dinámicas (posiblemente lúdicas). Estudiando en esta institución son estudiantes con un nivel económico mucho más alto del promedio, muchos de ellos son excelentes alumnos pero hay algunos que nomás por ser adolescentes no prestan mucha atención en la escuela (cuando iba a la prepa era uno de ellos) así que no todos maduran a la misma velocidad y se debe tomar en cuenta. Desconozco otra realidad de bachillerato aquí en México.En Italia la preparatoria es muy diferente, son 5 años y algunas tienen carrera técnica donde al terminar pueden trabajar como profesionistas como peritos mecánicos, eléctricos, contadores públicos entre otros, luego hay escuelas que se llaman liceo, el clásico se estudia griego, latín y prepara al estudiante en materias humanistas, luego hay el scientifico donde hay mucha matemáticas y biologías donde se prepara al estudiante para que estudie carreras como ingeniería o medicina, luego el artístico con muchas materias de arte como pintura, actuación etc y finalmente el lingüístico donde se estudian varios idiomas extranjeros. Además de estas escuelas hay también algunas que te preparan para oficios como carpintero, electricista, secretaria, etc. Para cualquier profesión hay una escuela que te prepara. 
Lo bueno de México es que se está promoviendo la meritocracia en sentido que quienes más estudian tienen acceso a puestos de más prestigio mientras quienes no estudian por X o Y razón no podrán acceder a los mismos puestos y son pocos los casos de los que ganan mucho dinero sin algún título de estudio.

Universidad
Ya llegamos al fin. Son 14 años que trabajo en la universidad y he visto un sin fin de estilos de aprendizaje, mi materia principal es italiano como lengua extranjera y es un curso que no afecta al alumno en su promedio, además da puntos culturales y es muy económica, todo esto afecta al desempeño si una persona está poco motivada, desafortunadamente hay una deserción muy alta. El curso también está abierto para el público en general y los extrauniversitarios (así los llamamos) normalmente son los más cumplidos porque eligieron estudiar el idioma y normalmente llevan a cabo el curso. He tenido la oportunidad de dar clases también en asignaturas del área de psicología y en este caso los alumnos debían cumplir con la materia porque era parte de su curricula, también en este caso hubo alumnos muy interesados y cumplidos y otros más desinteresados y poco participativos.
Además tengo que mencionar que yo también estudié la facultad de psicología en una universidad mexicana y tengo que decir francamente que la universidad aquí en México es totalmente diferente que en Europa. Digamos que es una extensión de la preparatoria respecto a la dinámica de estudio y calificación. Una materia dura un semestre, hay proyectos, examenes  de respuesta múltiple, exposiciones y al final se promedian las calificaciones para obtener la calificación de la materia, en Italia en cambio las materias se dan como conferencias, puede haber una sala con 100 alumnos o más, el docente da la materia, los alumnos toman apuntes y luego cuando se abre la sesión de examenes el estudiante presenta el examen oral donde el profesor puede preguntar cualquier cosa del contenido de 3 o 4 libros, definitivamente son mucho más difíciles, al final de la carrera es obligatoria la tesis y en muchos casos un proyecto de investigación. Por todas estas razones de 1000 niños que entran a secundaria solo unos 130 logran tener un título universitario.

No sé cuantos hayan logrado llegar hasta el final, respecto a este tema se escribieron miles de páginas, hay muchos aspectos relacionados y mi intervención es meramente superficial. Estoy seguro que se puede lograr un cambio, pero está todo en la educación básica, si se les enseñan los valores y la ética del estudio a los niños, todos serán profesionistas. Todos, niños y adultos deberían leer al menos un libro cada dos meses, con estos pequeños cambios en poco tiempo cambiaríamos a mucha gente abriéndoles la mente.

Gracias por leer, espero un comentario suyo para saber que opinan.

Saturday, September 28, 2019

Quant'è cambiata l'Italia?!?

Mi ero ripromesso di scrivere un post dopo il mio viaggio in Italia in Aprile e tra una cosa e l'altra il tempo è passato senza ricordarmi di scriverlo. Ebbene, ora che ho qualche minuto di tempo libero farò un breve post in merito.
C'è da dire innanzitutto che ad Aprile erano 6 anni che non tornavo in Italia, e tra un paio di mesi sono ben 14 anni che vivo in Messico, in tutti questi anni ci son tornato solamente tre volte. Queste informazioni solo per poter contestualizzare quanto sto per dire.
Quando me ne andai dall'Italia non avevo ancora 28 anni, lavoravo molto in una fabbrica del settore legno in un piccolo paesino della bassa pordenonese. Sono cresciuto in quelle zone pertanto condividevo quella realtà, usi e costumi locali, ciò che fa parte della cultura regionale locale. In quella zona c'è sempre stato un viavai di stranieri grazie al fatto che la zona è ricca di fabbriche che cercano manodopera pertanto fin dagli anni 90 siamo stati abituati ad interagire con gli immigrati. Questo non significa che esista una tolleranza innata.

Come dicevo poc'anzi ad Aprile son tornato in Italia per un paio di settimane perché volevo passare un po' di tempo con i miei genitori, pertanto non ho fatto nessun viaggio in giro per lo stivale, solamente una gitarella a Venezia. Ho trovato un tasso di immigrazione elevatissimo. Ero consapevole che c'erano tanti stranieri ma a dire il vero non mi aspettavo che ce ne fossero così tanti.

Tutti i miei spostamenti li ho dovuti fare in bicicletta pertanto ho potuto muovermi e notare i particolari che normalmente nei viaggi in macchina si perdono. Un giorno sono stato al mercato in città, di sabato e ho lasciato la bicicletta in un posto e poi sono andato a piedi, per circa 5 minuti di camminata non ho mai sentito parlare italiano, uno si dirà "ma cosa vuoi che siano 5 minuti?!?" beh, in 5 minuti si fanno 400 o 500 metri in centro città, abbastanza affollata per un sabato mattina di mercato e non sentire parlare in italiano mi ha sorpreso assai. Lì al mercato non ho comprato nulla, ma ho interagito con alcuni venditori (tutti stranieri) e ho visto che almeno i venditori ti danno subito del tu, ormai non me ne faccio un problema perché qui in Messico difficilmente le persone utilizzano la forma di cortesia. Non dico che gli stranieri in Italia devono comportarsi esattamente come gli italiani, al contrario, io sono dell'idea che devono mantenere le proprie abitudini, usi e costumi ma devono sapersi adattare agli usi e costumi locali, dopotutto sono degli ospiti.

Chiacchierando con alcuni amici, alcuni schierati politicamente a destra ed altri a sinistra, ho notato che in molti sono intolleranti verso l'immigrazione di massa, perché comporta tante conseguenze negative, il problema non è solo dell'Italia ma anche dell'Europa che fa finta di non vedere e scarica tutta la responsabilità all'Italia.
Siamo esseri umani, dobbiamo cercare di aiutare il nostro prossimo di qualunque colore esso sia, posso capire che quelli di destra guardino solo il proprio orticello "ahh ma noi paghiamo le tasse, poi loro vivono da nababbi, hanno vitto, alloggio, cellulare e poi non rispettano la nostra cultura" è vero tutto ciò, ma sono convinto che si debba trovare una soluzione che vada bene ad entrambe le parti e non solo perché è più comoda di un'altra.
Ho parlato con persone che anni si professavano rossi fino al midollo ed in questa occasione hanno pensieri piuttosto nazionalisti, a me dispiace che gli italiani siano diventati quelli che sono, purtroppo la colpa non è neanche loro, è stato il tipo di governo degli ultimi 20 anni il vero colpevole oltre al fatto che normalmente l'italiano medio è davvero molto bravo a criticare ma al momento di agire si gira e trova scuse.

Ok, per riassumere, ho notato che sì c'è un altissimo numero di stranieri, legali o illegali non lo so, si dice che ormai in Italia 1 su 10 è straniero, sia africano, dell'Europa dell'Est o latini, gli italiani sono diventati molto intolleranti, più di quello che erano già, in molti sono passati alla destra, vogliono che l'Italia sia solo degli italiani. A me dispiace molto questa mentalità, siamo tutti esseri umani e non siamo proprietari di una nazione, solo perché abbiamo avuto la fortuna di nascere in un posto invece di un altro, solo perché la nostra pelle è bianca invece che nera, siamo tutti cittadini del mondo e sarebbe bello che un domani tutti lavorassero per il benessere dell'essere umano invece che di un Paese. Dobbiamo educare i bambini di oggi perché possano essere migliori esseri umani adulti domani.

Altro tema che volevo toccare è il tenore di vita, ovviamente lo confronto con il Messico. In Italia una commessa al supermercato guadagna abbastanza bene per potersi mantenere, magari ha solo la terza media e ha una vita decente, ferie pagate, paga il mutuo ecc. Qui in Messico invece i laureati sono molti di più e la cassiera del supermercato è una persona che non ha avuto la possibilità di studiare, vive precariamente e sicuramente ha 2 o 3 lavori. I lavori pagati decentemente sono quelli che richiedono un titolo di studio e spesso neanche questi sono sufficienti per potersi mantenere, la cosa che mi piace del Messico è che almeno viene applicata una sorta di meritocrazia (in linea di massima). L'Italia è un posto dove davvero è comodo vivere, diverse settimane di ferie, una donna incinta può chiedere di stare a casa in maternità fin da subito, invece qui sono solo 3 mesi, 1 prima del parto e 2 dopo la nascita del bebè.

Ultimo tema la gastronomia, quella italiana non è cambiata, i prodotti sono sempre eccellenti anche se in realtà i costi sono piuttosto alti, una birra scura 5 o 6 euro (qui in Messico costa meno della metà, tanto per fare un esempio, un boccale da litro di birra scura alla spina costa sui 3 euro). Quello che ho notato in questo breve viaggio (magari tutto quello che ho detto è sfalsato dalla mia realtà, in altri paesini è totalmente differente...) è che son spariti i ristoranti cinesi e ci sono una marea di posti gastronomici di kebab, io non ho avuto il coraggio di andare a mangiarci perché ho preferito mangiar pizza finché potevo (e alla fin fine ne ho mangiate solo 3 in quelle due settimane)

Bene questo è quanto, posso dire che secondo il mio parere l'Italia di oggi è un Paese che è cambiato troppo, la mentalità della gente, l'intolleranza, le critiche costanti, i costi elevati, beh son contento di vivere in Messico, qui mi hanno sempre trattato benissimo, ci sono critiche ma sono costruttive, non c'è molta immigrazione qui ad Hermosillo da parte di europei e men che meno dall'Africa o dall'Asia pertanto la gente, quando ne trova uno, è più incuriosita che infastidita e c'è sempre dialogo.

Non sto rinnegando le mie radici, al contrario, io sono orgogliosamente italiano, ma dopo tanti anni che vivo in questo Paese meraviglioso mi posso anche definire Sonorense, non è solo un pezzo di carta quello che ti definisce come persona, ma le abitudini, usi e costumi che fanno ormai parte della tua persona.

#orgogliosamenteitalosonorense

Questo è quanto, ci si sente presto.
P.s. l'ho scritto di getto senza nemmeno rileggerlo

Sunday, March 24, 2019

educazione stradale

Oggi sono in vena di scrivere un po' e voglio fare una piccola riflessione in merito all'educazione stradale perlomeno qui ad Hermosillo.

Ho imparato a guidare in Italia, in una cittadina relativamente piccola, e sono cresciuto in un paese anche questo non molto grande, come si può immaginare le strade sono sempre piccoline e c'è una sola corsia per ogni senso di marcia, solitamente non si corre molto e si ha abbastanza precauzione, oltre a questo con gli autovelox e le pattuglie che fanno controlli saltuari a vari orari del giorno e della notte in tutto il territorio, si possono considerare come deterrenti per commettere infrazioni, perché, come si sa, le multe sono piuttosto salate e tutti cercano di evitare di buttare via soldi in multe e perdere punti nella patente.
Qui in Messico le cose sono molto diverse, innanzitutto la patente la si può prendere fin dai 16 anni senza l'obbligo di fare la scuola guida, le ore minime di pratica. Sì bisogna fare l'esame ma in molti casi si può ottenere la patente di guida anche senza. Conosco moltissime persone che non hanno mai fatto un esame né medico né di guida per poter ottenere la patente, considerando che sono le basi della sicurezza in strada... vi lascio immaginare quali altre grandi differenze ci sono.

Iniziamo dal bollo dell'auto, qui si chiama "tenencia" ed è una sorta di tassa sulla proprietà del veicolo, è obbligatoria e quasi tutti la pagano, anche se c'è qualche furbo che continua a circolare senza pagarla, è stata inserita molti anni or sono per recuperare le spese di non ricordo cosa e avevano promesso (vari governi statali) che l'avrebbero eliminata, ma come si sa è difficile rinunciare ad un'entrata quasi sicura... cos'hanno fatto? Hanno cambiato il nome.

L'assicurazione non tutti ce l'hanno, è un problema perché se la persona che non ha l'assicurazione perché non ha i soldi per pagarla, normalmente ha veicoli che sono dei catorci ambulanti e se si ha la sfortuna di avere un incidente con una di queste persone... beh, difficilmente ti pagheranno i danni.

Le targhe in molti casi sono un optional, sembra strano ma quando si compra una macchina nuova il concessionario te la consegna con un documento che ti permette guidare anche senza targa per un certo periodo di tempo, però ci sono anche casi in cui i proprietari oltre ai giorni concessi da questo documento... la targa non la mettono e si vedono auto nuove che circolano anche per mesi (non voglio esagerare dicendo che circolano anche per anni), oltre ad auto straniere che sono in tramite di regolarizzazione per circolare in territorio messicano, sono macchine che possono essere anche vecchie da 1 a 15 anni e pure qui... senza targhe. In questi anni ho visto anche un paio di pattuglie della polizia senza targa... incredibile ma vero.

Gli incroci in molti molti ma davvero molti casi sono gestiti dal doppio stop, gli automobilisti sanno che avanza una macchina per turno, nel senso che se l'incrocio è a doppio senso passano le macchine che vanno da nord a sud e da sud a nord e poi successivamente quelle da est a ovest e da ovest a est, è un po' difficile da capire all'inizio ma è piuttosto pratico una volta che ci si è presa la mano.

Risultati immagini per semaforo rojo vuelta a la derecha
I semafori rossi sono a volte una semplice decorazione... ebbene sì, non sto scherzando, non so se sia una pratica in tutto il Messico, ma qui ad Hermosillo e zone limitrofe se ti trovi fermo ad un semaforo rosso e devi girare a destra, il semaforo acquisisce solo una funzione estetica o mal che vada assume un valore di "dare precedenza", il 90% delle volte io rispetto il semaforo rosso però son sincero... a volte anch'io cedo a questa pratica, ma solo quando ho fretta e sono appunto il primo della fila. La cosa interessante è che in alcuni casi c'è qualche simpaticone che ti suona pure per avvisarti di avanzare nonostante il semaforo rosso, però sono rari i casi. Non so se sia permesso dal Codice della Strada Statale, quello che posso dire è che la stessa polizia passa col rosso e ho visto innumerevoli volte veicoli che passano col rosso con una pattuglia vicino e questa non ha fatto nulla.

Risultati immagini per policias municipal mexico multasLe multe non sono cumulabili come in Italia, se tu stai guidando, passi col rosso e sei senza cintura, non ti possono fare la multa della somma delle tre infrazioni ma solo una, credo la più cara. Se non si ha la patente con sé la polizia ti può requisire il veicolo e dopo per recuperarlo possono servire anche due o tre giorni. Se si guida in stato di ebrezza oltre a toglierti la macchina, metterti in gabbia per la notte ti appioppano una multa che è pari a quanto un impiegato medio guadagna in un mese, pertanto nella maggior parte dei casi, se colui che è stato trovato sotto gli effetti dell'alcool non ha coinvolto terze parti, il conducente e la polizia trovano un accordo monetario che soddisfa entrambe le parti. Purtroppo la corruzione della polizia in tutta l'America latina è molto conosciuta.


Parlando appunto della corruzione delle forze dell'ordine, quando ci sono eventi sportivi, qui è possibile bere alcool allo stadio, e la polizia nelle vie principali a poche centinaia di metri dallo stadio fa dei blocchi con l'alcolimetro, chi sa di essere in fallo non fa altro di allungare qualche biglietto all'agente che lo ferma e questo gli da una parola d'ordine che è valida per tutta la notte, qualora un altro poliziotto lo dovesse fermare, il conducente dice la parola e non deve "pagare" una seconda volta. Le bustarelle sono anche benviste per evitare che siano appioppate le multe, se la multa è di circa 400 pesos, se viene pagata entro le prime 48 ore si ha lo sconto del 50%, pertanto sono 200 pesos e l'agente di polizia per evitare di stilare il verbale e fare la multa "accetta" l'accordo monetario di 100 pesos in modo tale che entrambe le parti siano felici. Per quanto mi riguarda, in questi tredici anni di vita messicana, ho ricevuto anch'io delle multe, in tutte ho infranto le regole secondo il punto di vista dell'agente che mi ha affibbiato la multa e le ho sempre pagate.

Voglio raccontare la mia esperienza personale in merito a quando mi hanno fermato: una volta tornando a casa dal lavoro c'era il semaforo in verde, è diventato arancione ed essendo in corsa ovviamente non potevo fermarmi, dopo 20 metri c'era un altro semaforo con lo stesso tempo del primo e decisi di andare avanti, una volta che superai il secondo semaforo passarono almeno 2 secondi prima che diventasse rosso ma nonostante quello all'improvviso ho visto i la sirena della polizia che mi fece accostare, mi chiesero i documenti, dove lavoravo e cosa stavo facendo, ricalcarono il fatto che avevo infranto il codice della strada e il poliziotto tendeva sempre la mano che stava a significare che se io volevo potevamo trovare questa soluzione conveniente ad entrambe le parti, non mi chiese mai esplicitamente i soldi, tendeva solo la mano sottolineando la mia infrazione e che si vedeva costretto a fare la multa, io gli dissi più e più volte "Ha ragione agente, se le ha visto che son passato col semaforo arancione appena scattato, mi faccia il verbale e domattina presto andrò a pagare la multa", gli dissi questa frase almeno 3 o 4 volte e l'ultima aggiunsi pure che era tutto il giorno che stavo lavorando era tardi, ero rimasto a dare consulenze ad alcuni alunni e volevo tornare a casa a riposare. Questo agente (probabilmente di Oaxaca o Puebla per i suoi lineamenti ed altezza) capì che non gli avrei dato nulla e se ne uscì "oggi mi sento buono, però mi raccomando faccia più attenzione ai semafori", lo ringraziai e me ne andai. Diciamo che ho avuto pure fortuna perché gli ho mentito spudoratamente... erano le 22.20 circa, avevo finito di lavorare alle 20 e poi andai a bere un paio di birre con un gruppo di alunne, perché una di loro se ne sarebbe andata per un viaggio e non avrebbe finito il semestre. Qui l'ho scampata per il rotto della cuffia. In un'altra occasione nella quale non avevo bevuto, era pomeriggio ma mi avevano fermato per eccesso di velocità con la pistola laser, non so perché quando abbassai il finestrino parlai esclusivamente in italiano, volevo fare questo esperimento e il povero agente chiedendomi i documenti io continuavo a dire "sono straniero non capisco quello che mi stai dicendo e bla bla bla" parlai piuttosto veloce, avevo la cintura allacciata e continuavo a toccarmela dicendo "ho la cintura non andavo forte e bla bla" il poverello dopo neanche due minuti mise le mani avanti e mi disse che potevo andare. Qui mi divertii e mi sentii un po' in colpa per essermi preso gioco di un agente che stava facendo il suo dovere però scampai a una multa.
In un'altra occasione simile dove sì correvo, il poliziotto mi fermò e mi chiese le generalità, quando gli dissi che ero italiano mi disse subito qual era la infrazione e che avrebbe fatto finta di stilare un verbale, che gli avrei dovuto dare una stretta di mano e finita lì, perché il suo superiore stava osservando da lontano, questo agente fu l'unico che mi evitò una multa. Ultimo caso invece è quando un paio d'anni fa sì mi rifilarono la multa ma ero colpevole... portai mio figlio ad allenamento di tiro con l'arco e mi chiesero di andare a comprare qualcosa in una ferramenta lì vicino, solitamente metto la cintura di sicurezza appena salgo in macchina ma quando sono tragitti di meno di un chilometro tante volte non lo faccio, uscito dal campo arrivai al semaforo in verde e scattò l'arancione, vidi aldilà dell'incrocio una pattuglia (quasi da film) con uno scatto quasi meccanico mi misi la cintura ma l'agente mi vide bene... mi fermai alla ferramenta e mi disse che ero senza cintura e che ero passato con l'arancione e che mi avrebbe fatto solo la multa della cintura, io cercai di rigirarla ma quando mi chiese la patente mi resi conto che l'avevo lasciata nello zaino che usavo tutti i giorni per andare in piscina, mi disse che era obbligato a portare via il veicolo e lì mi disperai... chiamai mia moglie e le chiesi di inviare la foto della patente e quest'agente accettò la foto, non mi restò che ringraziarlo e pagai la multa dopo 15 minuti...  Queste esperienze le ho volute raccontare solo per sottolineare che nonostante la corruzione delle forze dell'ordine ci sono agenti che sì fanno il loro dovere ligiamente e non vogliono specularci sopra, mentre altri utilizzano la loro uniforme solo per poter avere un'ulteriore entrata.

Qui in città, ci sono strade a senso unico fino a 4 corsie, in alcuni tratti (anche se corti) si arriva anche a 7 corsie (inclusa quella ciclabile), bisogna stare attenti, sempre all'erta perché non si sa mai chi è colui che guida nella macchina accanto, poi se piove diventa il finimondo, le strade si riempiono di buche a causa della bassa qualità dell'asfalto, le strade si inondano a causa delle infrastrutture e mancanza dei canaletti di scolo. Insomma se volete guidare qui in città bisogna essere molto pazienti ed attenti.

Salutoni

Altro sullo stesso tema: E le targhe dove sono? (08/03/2013)


Sunday, December 09, 2018

Tattoo numero 21

Chi mi conosce sa che da qualche anno ho iniziato a tingermi la pelle Quando andai in Italia nell'estate del 2013 feci i miei primi due tatuaggi, opera di un amico di vecchia data: Fabio "Billy" Celant, dopodiché nel gennaio successivo mi tatuai i nomi dei miei figli da un artista del tatuaggio qui ad Hermosillo che si fa chiamare "Nervio", poi venne il tatuaggio per i 10 anni di matrimonio con mia moglie fatto da "Pocho" e via di seguito altri avvenimenti importanti nella mia vita hanno meritato un piccolo spazio sulla mia pelle.

Nel corso di questi anni ho letto molto riguardo al tema tatuaggi, da quelli tribali in Nuova Zelanda, a quelli simbolici africani o sudamericani, al tradizionale americano o giapponese, al realismo, e mi è piaciuta un sacco una frase che sentii o lessi da qualche parte "un corpo tatuato solo poche persone sono in grado di leggerlo" ed è davvero così.
La mia famiglia è l'unica che conosce il significato di ogni singolo tatuaggio sul mio corpo ma a dire il vero a me piace condividere il significato, per far sapere al mondo che non sono disegnini bellini che me li son fatti fare solo perché sono carini, al contrario, se non dovessero avere un significato dietro magari nemmeno me li farei.
Ho solo un tatuaggio che ho fatto per bellezza, ma ha pure assunto un suo significato durante il tempo.

Ed eccoci arrivati al mio tatuaggio numero 21. Questo tatuaggio ha un significato molto importante per me, ho scelto un posto che sia abbastanza visibile (a dire il vero non pensavo fosse così doloroso in questa zona) perché è in onore a mio nonno. Ormai è deceduto da qualche anno ma è stato l'unico nonno che ho avuto, perché il nonno paterno non ho avuto la possibilità di conoscerlo bene perché morì quand'ero piccino. Ecco, mio nonno Pieri fu alpino, e da qui il perché del cappello, nel corso della sua vita si vide costretto a trasferirsi all'estero per poter mantenere la sua famiglia, lavorò nelle miniere di carbone in Belgio, ed ecco il perché del piccone, infine una tazzina di caffè, una delle sue poche gioie dopo la diagnosi ed il cambio radicale nella sua dieta.

Caro nonno, son passati quasi 6 anni da quando ti ho visto l'ultima volta, non ho ancora potuto salutarti e dirti addio, ma ti penso sempre, e da ora sarai sempre con me sul mio braccio.

Thursday, May 31, 2018

VidExport



En enero tuve la oportunidad de ser interprete para una de las empresas de cultivo más grandes de México en su área. 


Aprendí mucho sobre el cultivo de la uva de mesa: 25 horas en 2 días con agrónomos nacionales y extranjeros, ha sido una experiencia muy interesante y de aprendizaje.
Me contrataron como interprete y salí ganando con todo lo que aprendí.

Mi respeto y admiración por la empresa VidExport. Excelentes instalaciones y servicios para el trabajador adentro de los campos. Dormitorios, 3 comidas diarias, servicio de guardería, médicos, escuelas, psicólogos, canchas deportivas, es una pequeña comunidad muy funcional. Y mucho más.

Personas muy interesantes, preparadas, disponibles y con ganas de mejorar el dueño Ing. Salazar como también el Ing. Victor Romero y todo el equipo de trabajo.


Estoy muy satisfecho, era una faceta de Sonora que no conocía y la verdad me dio mucho gusto ver que no es la realidad que pintan las novelas, por lo menos aquí en Sonora hay un trato excelente.





Foto 1: Con el equipo de ingenieros agrónomos en los viñedos cerca de Empalme en el primer día.

Foto 2: Viendo de cerca uno de los viñedos y sus brotes en el segundo día de trabajo.