Tuesday, September 27, 2011

Lago parque Madero - Hermosillo


Hace muchos años en el parque Madero había un lago, tal vez no muchos saben esto... Hace algunas semanas empezaron los trabajos para volver a crear este espejo de agua, se supone que para el 2012 se terminarán los trabajos.

Actualización del 08.10.2011
El ayuntamiento hace algunos días confirmó que se suspenderán los trabajos en el parque Madero y el proyecto del lago no se llevará a cabo.
Ya quitaron las canchas, unos cuantos arboles... y al final creo que harán más bonita una fuente que ya estaba... ¡que desperdicio!

Sunday, September 25, 2011

Saturday, September 24, 2011

CAALE - Idioma italiano - Universidad de Sonora







Cos’è il CAALE?

Il Centro di Auto-Accesso di Lingue Straniere (CAALE) è uno spazio in cui esiste una varietà di materiali e risorse disponibili per facilitare l’apprendimento e pratica di diverse lingue in maniera indipendente. Ciò significa senza un professore che dia lezioni direttamente agli studenti/utenti del centro, però con l’appoggio di consulenti per orientare l’utente nell’apprendimento della/e lengua/e interessata/e.
Per la flessibilità d’orario e modalità di studio che offre, il CAALE è un’alternativa per l’apprendimento di lingue straniere per persone dai 15 anni in su, che possono o meno trovarse nelle seguenti situazioni:
image001 Il loro ciclo d’attività non gli permette d’assistere ad un corso con orario fisso.
image001 Non hanno trovato un corso che si adatti alle proprie necessità personali.
image001 Desiderano o necessitano progredire con il proprio ritmo.
image001 Desiderano prepararsi per qualche esame ufficiale di certificazione di dominio della lingua (TOEFL, DELF, DALF, CILS, PLIDA, ÖSD, ecc.)
 
Ecco qui le ultime novità della sezione di italiano:

Il racconto e l'audio-libro di Maria Ianniciello:



Inoltre ci sono 4 fumetti: i Tattoons:




Sunday, September 18, 2011

¿Qué es ética? ¿Qué es honestidad?

 
 
JUEGO LIMPIO

"La intención es dejar claro que clase de personas somos..."
 
ESTO ES FAIR PLAY
 
Existen situaciones en la vida que nos hacen creer que es siempre posible ser ¡mejores de lo que somos!                             
                                        
Tenemos aquí un buen ejemplo:                             
                                                          
Durante un partido de fútbol, en Holanda, un jugador del equipo de rojo – el Ajax – sufrió una falta y quedó lesionado, caído en el pasto. Uno de los jugadores del equipo adversario el Den Haag - de amarillo -, como es habitual tiró la pelota afuera para que el jugador fuese atendido.

Cuando el jugador estuvo recuperado, el saque correspondía al Ajax y, como manda la caballerosidad, un jugador del Ajax quiso devolver la pelota para el campo adversario. Solo que por mala fortuna, sin querer, terminó en gol.

Todos, incluido el jugador que, sin querer, hizo el gol, quedaron atónitos.
Pero el árbitro correctamente ¡consideró el gol válido!

La pelota volvió al centro para retomar el partido con aquel injusto resultado.

Fue en ese momento que los jugadores del Ajax, con gran espíritu deportivo, rápidamente tomaron una decisión: Se quedaron todos quietos para permitir que los adversarios - los de amarillo - hiciesen ellos también un gol para reparar la injusticia del resultado.
¡¡¡Y fue eso lo que sucedió!!!
 
Es impresionante el sentido de justicia del equipo del Ajax - de rojo - y el buen entendimiento entre todos ellos para que ninguno se moviese. Ellos querían ganar, pero la victoria tenía que ser ¡"limpia" y "justa"!
 
Reenvíen este mensaje. Para que llegue a todos: Las Familias, las Escuelas, las Empresas…
 
Quien sabe... ojalá llegue también a la Asamblea, al Gobierno, al Poder Judicial…y a los que hacen deporte, incluidos los equipos de futbol...


Todos precisamos aprender con ejemplos de honestidad…
 
La Ética es esto: El gol fue legal, pero inmoral.

Saturday, September 17, 2011

Mi pequeña changuita


Questo pomeriggio io e la mia principessa sul divano, lei ne ha approfittato: tremenda!

Friday, September 16, 2011

Clases de inglés (autodidacta)

Un mexicano estaba en una esquina queriendo cruzar la calle en una ciudad de Estados Unidos, del otro lado un matrimonio que también la querían cruzar.

En eso pasa un carro muy rápido y con la llanta pisó una piedra. La piedra saltó y le pegó al marido en la cabeza. El señor se desmayó y la señora histérica trataba de despertarlo sin éxito...

En eso llegó la policía y como el Mexicano había sido testigo del evento, el oficial lo abordó y le preguntó:

- "¿Did you see what happened here?"
- "Yes", contestó.
- "¿Name?" preguntó el policía, sacando al mismo tiempo una libreta para apuntar el nombre. Y contestó el hombre (que aprendió inglés con un Diccionario):
- "My name is Almost-can-see Fountains Pigeon-houses".... (Casimiro Fuentes Palomares.)

El oficial se quedó moviendo la cabeza como pensando, ¿Qué dijo este pendejo?.
- "¿How was it?" Preguntó de nuevo el policía.

Y el señor contestó:
- "I was stop here" (Yo estaba parado ahí.)

Y siguió el señor....
- "The car came made the mother". (El carro venia hecho la madre.)

- "The wheel gave a mega-gay to the stone". (La llanta le dió un putazo a la piedra.)
- "The stone flew made the mother" (La piedra voló hecha la madre.)
- "And hit the man in the one hundred" (Y le pegó al señor en la sien.)
- "The woman put the kitchen helper shout in the heaven" (La mujer puso el pinche grito en el cielo.)
- "And the woman said: Old, old, old... do not suck" (Viejo, Viejo, Viejo... no mames!)
- "Up, Up. Don`t whistle yourself big goat" (Levántate, levántate. No te chifles cabron!)
- "And the bull never came back in yes again" (Y el wey nunca volvió en sí otra vez.)
Todo destanteadao el policía le preguntó: And, ¿Where is the car?
Y contestó el señor: - "It peel rooster!" (Peló gallo!)

Thursday, September 15, 2011

El grito (il grido)


Il 16 Settembre in Messico è festa nazionale perché festeggiano l'indipendenza.
Ogni anno i bimbi vanno a scuola con vestiti tipici, qui di seguito una foto dei miei bimbi vestiti con degli abiti caratteristici.




 CLICCA SULLE FOTO PER INGRANDIRLE

Per tutta la settimana si vede un'ondata di patriottismo e nazionalismo nel senso che si sente urlare "Viva México" quasi le 24 ore, ci sono feste, balli, eventi che ricordano il giorno dell'indipendenza avvenuto il 16 Settembre 1810.
La notte tra il 15 ed il 16 la gente si riversa nelle piazze per partecipare a "el grito", come vuole la storia ricordare questo avvenimento di due secoli fa.

Alcuni cenni storici per saperne di più: 


Senza sporcarsi le mani di sangue non c'è cambiamento, però in quest'occasione ci sono stati dei genocidi, massacri brutali di gente innocente, non conosco bene la storia messicana per essere pro o contro a tali eventi, fattostà che rimango dell'idea che sono molte le persone morte per la causa, di cui la maggior parte indifese.

Ritornando ai giorni nostri, la cosa bella del Messico, cosa che non succede in Italia, è la voglia di sentire le proprie radici, partecipare agli eventi in piazza, come ho scritto prima, praticamente la maggior parte della popolazione si riversa sulle strade per poter far sentire la propria voce. Questo senso di unione in Italia non l'ho mai sentito, ci sono alcune sfilate militari a Roma ma niente di fuochi artificiali, bandiere ovunque, la città in festa. Come dice il detto "Paese che vai, usanza che trovi" e sono contento e compiaciuto del fatto che qui in Messico, perlomeno qui ad Hermosillo la gente abbia la voglia di condividere questo evento con il resto della popolazione.




Monday, September 12, 2011

Sunday, September 11, 2011

La razza umana (MATRIX)

La Razza Umana !!!
Mentre cercavo di classificare la vostra specie,
improvvisamente ho capito che voi non siete dei veri mammiferi:
tutti i mammiferi di questo pianeta d'istinto sviluppano un naturale equilibrio con l'ambiente circostante, cosa che voi umani non fate.
Vi insediate in una zona e vi moltiplicate, vi moltiplicate
finché ogni risorsa naturale non si esaurisce.
E l'unico modo in cui sapete sopravvivere è quello di spostarvi in un'altra zona ricca.
C'è un altro organismo su questo pianeta che adotta lo stesso comportamento, e sai qual è? Il VIRUS.
(Agente Smith, Matrix)

Saturday, September 10, 2011

Se murió un psicólogo...

Murió un Psicólogo y se fue a las puertas del Cielo.

(Sabido es que los Psicólogos por su ser y hacer siempre van al cielo).

San Pedro buscó en su archivo, pero últimamente andaba un poco desorganizado y no lo encontró en el montón de papeles, así que le dijo:

"Lo lamento, no estás en listas...".

De modo que el Psicólogo se fue a la puerta del infierno, donde rápidamente le dieron albergue y alojamiento.


Poco tiempo pasó y el Psicólogo se cansó de padecer las miserias del infierno, así que se puso a diseñar un proyecto y un PLAN ANUAL DE TRABAJO, organizó un Órgano Colegiado, una ASOCIACIÓN DE AYUDA AL PROJIMO, el COMITÉ DE PARTICIPACIÓN SOCIAL, TALLERES DE CONTROL DE IMPULSOS, AUTOESTIMA , INTELIGENCIA EMOCIONAL, AREAS DE ATENCION PARA CATARSIS, TERAPIAS, VALORACION DE LAS INTELIGENCIAS MULTIPLES y... manos a la obra: a realizar mejoras, LOS DIABLILLOS Y LOS OTROS SERES DEL INFIERNO EMPEZARON A SENTIRSE VALORADOS, ESCUCHADOS, EMPEZARON A COMUNICARSE MEJOR Y TRABAJAR EN EQUIPO.

Con el paso del tiempo, ya tenían Certificaciones del IPEBA, TODOS LOS ISSOS ETC, ETC, en varias áreas:

Infierno libre de humo, aire acondicionado, inodoros automáticos, escaleras eléctricas, centro de computo, techado en el patio, recuperación de cuotas atrasadas, círculos de APOYO, grupos de alfabetización, TODO tipo de becas, festivales, movilización por la comprensión lectora, LSS, ECE, PELA, PESEM, MUNICIPALIZACIÓN, etc. etc. etc.


Brindaba ASESORÍA Y ACOMPAÑAMIENTO a los que recién habían llegado, era un coaching efectivo, monitoreaba y supervisaba permanentemente, manejaba todas las teorías de E-A. Se convirtió en un líder.


Así aquel Psicólogo se convirtió en la adquisición más rentable, en millones de años, para el infierno...

Un día Dios llamó al Diablo por teléfono y con tono de sospecha le preguntó:

-"¿Y qué... cómo están por allá en el infierno?"

-¡¡Estamos de maravillas!!- contestó el diablo....

"Estamos certificados como libres de humo, ya tenemos aire acondicionado, inodoros con drenaje mediante sensor infrarrojo, escaleras eléctricas con control automático de carga, equipos electrónicos para controlar el ahorro de energía, internet inalámbrico, festivales, desfiles, etc. ¡¡¡Y hasta recuperé cuotas atrasadas!!!

Apunta por favor mi dirección de email :
eldiablofeliz@infierno.com... por si algo se te ofrece".


Dios preguntó entonces:

-¿Qué acaso TIENEN un Psicólogo por allí?

El diablo contestó..... iSiiiiiiiiiiiii!


DIOS DIJO:

-"¡Esto es un ENORME y GARRAFAL error! Nunca debió haber llegado ahí un Psicólogo!

Los Psicólogos siempre van al cielo, eso está escrito y resuelto para todos los casos.

¡Me lo mandas inmediatamente!"

-"¡Ni LOCC! -Dijo el diablo-. Me gusta tener un Psicólogo de planta en esta organización... Y me voy a quedar con él eternamente."

-"Mándamelo o...... ¡¡TE DEMANDARÉ!!..."

Y el Diablo, con la vista nublada por la tremenda carcajada que soltó, le contestó a Dios:


-"¿Ah Sí?? ... y por curiosidad...

¡¡¡¿DE DÓNDE VAS A SACAR UN ABOGADO? ¡Si todos están aquí!!!"


Moraleja......................

HAY QUE ENTENDER A LOS Psicólogos; AMARLOS, BENDECIRLOS Y DARLE GRACIAS A DIOS POR HABERLOS CREADO!!


Un Psicólogo no ve el mundo; lo transforma.

No es que se crea un GIGANTE, ES QUE LO ES!!!

MANDA ESTE MENSAJE A TUS AMIGOS PARA QUE TENGAN UNA IDEA DE LO QUE ES UN Psicólogo

¡¡¡Y QUE DIOS BENDIGA PLENAMENTE A QUIEN ESCRIBIÓ ESTO, YA QUE SÓLO UNA MENTE ILUMINADA POR DIOS PUDO HABERLO HECHO!!!


UN Psicólogo... DE SEGURO...

Wednesday, September 07, 2011

per fare un sito


Per realizzare un sito web, possiamo usare o un editor visuale, tipo Frontpage o Macromedia dreamweaver. Con questi software si opera in modo grafico e intuitivo, manipolando oggetti e pulsanti tramite il mouse e quindi non si deve scrivere a mano il codice HTML riga per riga e tag per tag. Oppure affidarci completamente al codice html, tra l'altro molto più sicuro e pulito.

L'html è il linguaggio con cui le pagine web vengono scritte e progettate. Sostanzialmente l'html possiamo definirlo un linguaggio di visualizzazione più' che di progettazione in quanto esso può essere mostrato in modo diverso a seconda dei diversi strumenti usati alla finalizzazione del nostro progetto. Cercherò di spiegarvi in modo essenziale e più comprensibile possibile le caratteristiche e i concetti base di questo linguaggio. Per riuscire a capire cosa si intende per file html basti pensare ad un file di testo di tipo TXT scritto con un comune editor di testo come il blocco note di win. Per funzionare come pagina web, il file di testo deve essere rinominato: HTML o .HTM e deve contenere, tutti i codici necessari per far sì che il browser lo riconosca e lo esegua correttamente. Questi codici sono chiamati Tag.

Un tag è un comando racchiuso tra i segni < (minore) e > (maggiore), chiamati anche parentesi angolari. Quando il browser incontra questi simboli capisce che si tratta d'istruzione da eseguire e non di testo da visualizzare sullo schermo. I Tag richiedono un codice di comando d'apertura ed uno di chiusura.

es) <TAG >GraficNika</TAG >

Grazie ai Tag possiamo personalizzare la nostra pagina, inserendo all'interno di essi dei valori, quali il testo, renderlo grassetto, sottolineato etcc...oppure inserire un immagine gif o jpg. Per fare questo la riga di comando sarà impostata in questo modo:

Nel caso si voglia inserire del testo:

<B><I>Testo</I></B> oppure: <I><B>Testo</B></I>
ma non: <B><I>Testo</B></I>

Nel caso si voglia inserire un immagine: <IMG SRC="immagine.jpg">

I tag piu' importanti per realizzare una pagina web sono:

I tag <HTML> e </HTML> all'inizio ed alla fine del documento; essi indicano al browser che tutto ciò che è compreso nel mezzo è una pagina web.

I tag <HEAD> e </HEAD> racchiudono l'intestazione del documento dove si possono inserire informazioni che non vengono visualizzate nella pagina, ma che ne descrivono caratteristiche come titolo, autore e parole-chiave.

I tag <BODY> e </BODY> racchiudono il corpo del documento dove si inserisce il contenuto da visualizzare nella pagina (testo, collegamenti, immagini e così via).

Tali tag devono seguire il seguente schema:

<HEAD> </HEAD>
<BODY> </BODY>
</HTML>


Poi ci sono i Tag di intestazione che sono :

<TITLE> con cui si definisce il titolo della pagina e <META> per inserire dei dati che serviranno al browser e ai motori di ricerca per gestirne i contenuti

es) per il titolo:

<HEAD>
<TITLE>Titolo della pagina</TITLE>
</HEAD>


es) per i dati aggiuntivi:

<META ATTRIBUTO1="VALORE" ATTRIBUTO2="VALORE">

dove 1 sta ad indicare il tipo di informazione, mentre 2 specifica il contenuto.
Per dare corpo al documento ci si serve del comando <BODY> all'interno del Tag verranno specificate alcune caratteristiche della pagina come lo sfondo, il colore del testo e dei links (collegamenti).

es) per impostare il colore di sfondo della pagina si dovrà' eseguire il seguente comando:

<BODY BGCOLOR="#000000"> specificato in esadecimale oppure potete scrivere direttamente il nome del colore, in questo caso "black".
Mentre se si vuole caratterizzare la propria pagina con un immagine jgg si procederà in questo modo:

<BODY BACKGROUND=">percorso e nome del file"> questo comando vale nel caso lo sfondo non si trovi nella stessa cartella web del sito, allora dovrete specificare il percorso del file.
Al contrario se lo sfondo in questione si trova nella stessa cartella sarà sufficiente specificare il nome del file ossia:

<BODY BACKGROUND="sfondo.jpg">

Poi attraverso i Tag e' possibile specificare i colori dei collegamenti ipertestuali in questo modo:

<BODY LINK="colore1" ALINK="colore2" VLINK="colore3">
dove Link si usa per i collegamenti attivi con il relativo colore.

ALINK per i collegamenti attivi al clik del mouse.
Mentre VLINK per i collegamenti gia visitati.

Come abbiamo detto prima all'interno dei Tag e' possibile specificare anche le caratteristiche che vogliamo dare al testo della nostra pagina. procediamo in questo modo:


<FONT COLOR="#colore"> testo </FONT> dove indica il colore del testo.

<FONT SIZE="valore"> testo </FONT>
e in fine il valore del testo ossia la grandezza del carattere.

Per allineare i paragrafi invece procederemo con i seguenti comandi:

<P ALIGN="valore">paragrafo da allineare</P> dove per allineare il paragrafo a sinistra scriveremo il comando Left, per allinearlo a destra scriveremo il comando RIGHT, CENTER per centrare il testo.

Per specificare gli attributi di un immagine della nostra pagina web all'interno dei tag andremo avanti cosi':

<IMG SRC="image.jpg" WIDTH="100" HEIGHT="50">
dove e' specificata l'altezza e la larghezza dell'immagine.

Mentre se si tratta di un bottone scriveremo cosi':

<IMG SRG="image.jpg" ALIGN="bottom">
Uno strumento essenziale per la struttura della nostra pagina web e' sicuramente la tabella. Per inserire una tabella di riferimento all'interno della nostra pagina web procederemo in questo modo:

<table border="0" width="80%">
<tr>
<td width="50%"></td>
<td width="50%"></td>
</tr>
</table>


Dove tutti gli attributi racchiusi all'interno del Tag specificano la larghezza e l'altezza della tabella. Il tutto va inserito all'interno del TAG <BODY>.

Bene! la miniguida sul linguaggio html termina qui, spero di esservi stata utile e sopratutto spero di aver reso la mini guida più comprensibile possibile.Certo sull'html ci sarebbero tantissime altre cose da dire, ma il mio sito non ha lo scopo di insegnare tutto cio che lo riguarda, ma solo di sottolineare le fasi più salienti di questo linguaggio.Sono certa che in rete troverete guide più complete, che vi aiuteranno nella costruzione del vostro sito web.

Photoshop: ormai arrivato all'ottava ver. è il software per l'elaborazione professionale delle immagini. Photoshop rappresenta per designer e grafici l'ambiente ideale per l'elaborazione di immagini sofisticate destinate alla stampa, alla pubblicazione sul Web, alle applicazioni wireless o a supporti di altro tipo. Photoshop si divide in diverse categorie le quali ci aiuteranno a comprendere l'uso di questo magnifico software. Prima di cominciare e' utile fare una netta distinzione fra Photoshop e gli altri software che si usano per l'elaborazione delle immagini e per il disegno quale Corel draw in quanto usato per la grafica vettoriale.

Photoshop e' sostanzialmente un utile programma di fotoritocco molto potente, basato sui pixel. Ha la capacità di riportare un immagine da zero e rifarla, cambiarla, nei colori nelle curve nelle sfumature ed e' possibile applicarvi tantissimi effetti di cui parleremo in modo approfondito più avanti nelle prossime lezioni. Facciamo una breve panoramica delle sue potenzialità, ad esempio la "Guida utente" contiene informazioni di base sull'uso dei comandi e delle funzioni principali di Photoshop e ImageReady.

Gli strumenti: che photoshop mette a vostra disposizione per completare il lavoro prima e meglio. Il "Browser file". Il pratico browser file vi permette di visualizzare le miniature e i metadati, come la data di modifica, le dimensioni del file e le informazioni EXIF provenienti dalla fotocamera digitale. In più vi aiuta a organizzare i file e gestire meglio le cartelle.

I Livelli: fondamentali per le vostre creazioni.Grazie ai livelli potete concentrarvi su un solo elemento, senza toccare gli altri. Per ridisporre gli elementi, basterà cambiare l'ordine nella palette Livelli. Potete anche bloccare i livelli per impedire modifiche indesiderate, nasconderli per visualizzare meglio l'elemento da modificare e collegarli per gli spostamenti in gruppo.

I liveli come fogli d'acetato: I livelli strumento importantissimo in photoshop non sono molto facili da comprendere, sopratutto per tutte quelle persone che non hanno studiato grafica e si trovano a dover capire la loro utilità per la prima volta.Cercate di immaginare i livelli come fossero fogli di acetato sovrapposti uno sull'altro (per capirci, quei fogli trasparenti usati per le lavagne luminose).
Attraverso le parti del livello prive di immagini potete vedere i livelli sottostanti. Dietro tutti i livelli si trova lo sfondo. A ciascun livello potete affidare una caratteristica, un effetto, un testo,uno sfondo diverso. Photoshop ci permette di creare fino a 100 livelli in un'immagine, ognuno con un proprio metodo di fusione e opacità.

Creare un livello: Per creare un livello servitevi del menù degli strumenti di photoshop in questo modo:livello>nuovo>livello
Si possono eliminare i livelli selezionando il livello nella palette Livelli, per poi:Fare clic sul pulsante del cestino sul fondo della palette Livelli, quindi fate clic su Sì. Scegliere Livello > Elimina livello.

Eliminare un livello: Scegliere Elimina livello dal menu della palette Livelli.

Unire più livelli: Dopo avere terminato la definizione delle caratteristiche e il posizionamento del contenuto di un livello, potete unire il livello con uno o più livelli per creare versioni parziali dell'immagine composita. L'intersezione di tutte le aree trasparenti nei livelli uniti rimane trasparente. Nella lezione chiamata "Effetti" ritroveremo come protagonisti i livelli. Che ci permetteranno attraverso essi di realizzare diversi effetti su immagini e su testo.

Le Palette: Con le palette Storia potete annullare e ripristinare più operazioni, memorizzare un'istantanea (una copia temporanea dell'immagine) e continuare ad apportare modifiche, ripristinando l'istantanea originale se i risultati non sono soddisfacenti. Potete creare anche più istantanee per poi mettere a confronto i diversi effetti ottenuti.

Disegnare: I tracciati offrono un modo efficace per disegnare bordi di selezione esatti. Un tracciato è una linea o una forma disegnata con lo strumento penna, penna magnetica o penna mano libera.Per immaginare un tracciato potete pensare a quei lavoretti che di solito si fanno alle elementari la classica tavoletta di legno dove vengono fissati dei punti con i chiodi e uniti a loro volta con l'elastico per formare una determinata figura. A differenza delle forme bitmat disegnate con la matita o con altri strumenti di disegno, i tracciati sono oggetti vettoriali che non contengono pixel.Dopo avere creato un tracciato, potete salvarlo nella palette Tracciati, convertirlo in un bordo della selezione, oppure potete riempirlo con il colore. Inoltre, potete convertire una selezione in un tracciato. I tracciati possono anche essere usati per ritagliare sezioni dell'immagine per l'esportazione in un' illustrazione. I tracciati sono facilmente gestibili grazie alle Palette specifiche. Scegliete Finestra > Mostra tracciati. Per selezionare un tracciato:fate clic sul nome corrispondente nella palette Tracciati. Potete selezionare un solo tracciato alla volta. Per deselezionare un tracciato, fate clic nell'area vuota della palette Tracciati o scegliete Disattiva tracciato dal menu della palette Tracciati. Per mostrare un tracciato o nasconderlo [Visualizza > Visualizza > Nascondi tracciato per attivare o disattivare il comando.

Creare una maschera: Le maschere vi consentono di isolare aree dell’immagine che desiderate proteggere da modifiche al colore, dai filtri o da altri effetti che applicate al resto dell’immagine. Quando selezionate una parte di un’immagine, l’area non selezionata è “mascherata” cioè protetta dalle modifiche. Potete anche creare delle maschere per modifiche complesse all’immagine, quali l’applicazione graduale di effetti di colore o di filtri all’ immagine. Inoltre, le maschere vi permettono di salvare come canali alfa e quindi riutilizzare delle selezioni che normalmente richiedono molto tempo (i canali alfa possono essere convertiti in selezioni e usati per la modifica delle immagini).Poiché le maschere sono memorizzate come canali in scala di grigio a 8 bit, potete rifinirle e modificarle usando l’intera gamma degli strumenti di disegno e di modifica. Un’immagine può avere fino a 24 canali, compresi tutti i canali di colore e alfa. Inoltre, a un’immagine potete aggiungere i canali di tinte piatte per specificare ulteriori lastre per la stampa con inchiostri a tinte piatte.per applicarla  selezionate un'area poi selezionate il livello a cui aggiungere la maschera. Andate nella Palette relativa e cliccate sull'apposito pulsante (il quadrato con il cerchietto all'interno).Per modificarla Fate clic sulla miniatura della maschera nella palette Livelli per attivarla (l’icona della maschera appare a sinistra della miniatura del livello). Selezionate uno degli strumenti di modifica o di disegno e modificatela.Gamme di colore: Il metodo di colore determina il modello usato per visualizzare e stampare le immagini. Photoshop usa metodi basati su modelli predefiniti per la descrizione e la riproduzione dei colori. I modelli più comuni sono HSB (tonalità, saturazione, luminosità), RGB (rosso, verde, blu), CMYK (cyan, magenta, giallo e blu) e CIE L*a*b*. Photoshop include inoltre alcuni metodi specifici per la riproduzione del colore, come Scala di colore e Due tonalità. ImageReady elabora le immagini con il metodo RGB.Conosciamoli singolarmente:

Il modello HSB: si basa sulla percezione umana del colore e descrive le tre caratteristiche fondamentali del colore: è il colore riflesso o trasmesso da un oggetto. Viene calcolata come posizione sulla ruota dei colori standard ed è espressa in gradi, da 0 a 360. In generale, la tonalità è identificata dal nome del colore, quale rosso, arancione o verde.La saturazione (Saturation), o croma, è l'intensità o la purezza del colore. La saturazione rappresenta la quantità di grigio rispetto alla tonalità ed è calcolata come percentuale da 0% (grigio) a 100% (saturazione completa). Sulla ruota del colore standard, la saturazione aumenta dal centro al bordo.La luminosità (Brightness) è la chiarezza o scurezza relativa del colore ed è generalmente calcolata come percentuale da 0% (nero) a 100% (bianco).Potete usare il modello HSB in Photoshop per definire un colore nella palette Colori o nella finestra Selettore colore.

Il metodo RGB: di Photoshop si basa sul modello RGB: assegna a ciascun pixel un valore di intensità compreso tra 0 (nero) e 255 (bianco) per ogni componente RGB di un'immagine a colori. Ad esempio, un colore rosso luminoso può avere un valore R di 246, G di 20 e B di 50. Quando i valori di tutti e tre i componenti sono uguali, il risultato è una tonalità di grigio neutro. Quando i tre componenti hanno come valore 255, si ottiene il bianco puro; quando il valore è 0, il nero puro.Le immagini RGB usano tre colori, o canali, per riprodurre sullo schermo fino a 16,7 milioni di colori; i tre canali generano 24 bit (8 x 3) di informazioni sui colori per pixel (nelle immagini a 16 bit per canale, si hanno 48 bit per pixel, con la possibilità di riprodurre molti colori in più). Il modello RGB è il metodo predefinito per le nuove immagini di Photoshop e il metodo usato per la visualizzazione dei colori sui monitor. In altre parole, quando sono impostati altri metodi di colore (ad esempio CMYK), Photoshop usa il metodo RGB per la visualizzazione sullo schermo. Gestione dei file, controlli dell'area di lavoro, modifica simultanea di più passaggi: Photoshop mette a vostra disposizione tutti gli strumenti necessari per completare il lavoro prima e meglio.

Con il metodo CMYK: di Photoshop, a ogni pixel viene assegnato un valore percentuale per ogni colore di quadricromia. Ai colori più chiari (luci) vengono assegnate percentuali basse di colori di quadricromia, mentre ai colori più scuri (ombre) vengono assegnate percentuali alte. Un rosso brillante, ad esempio, può contenere 2% di cyan, 93% di magenta, 90% di giallo e 0% di nero. Nelle immagini CMYK il bianco puro si ottiene assegnando il valore 0% a tutti e quattro i componenti.Ricorrete al metodo CMYK per preparare un'immagine da stampare in quadricromia. Convertendo un'immagine RGB in CMYK si crea una selezione colori. Se un'immagine è inizialmente in RGB, vi consigliamo di effettuare tutte le modifiche prima di convertirla in CMYK. Con il metodo RGB potete usare i comandi Imposta prova per simulare gli effetti della conversione in CMYK senza modificare i dati reali dell'immagine . Potete anche usare il metodo CMYK per lavorare direttamente con le immagini CMYK digitalizzate o importate da sistemi di fascia alta.Anche se è un modello di colore standard, la gamma esatta di colori rappresentati può variare secondo le condizioni di stampa e la macchina usata. Date uno sguardo rapido alle immagini prima di aprirle con Photoshop. Il pratico Browser file vi permette di visualizzare le miniature e i metadati, come la data di modifica, le dimensioni del file e le informazioni EXIF provenienti dalla fotocamera digitale. In più vi aiuta a organizzare i file e gestire meglio le cartelle.

Il metodo Lab: (gli asterischi del nome vengono tralasciati) di Photoshop ha un componente di luminosità (L) compreso tra 0 e 100. Nel selettore colore i componenti a (asse verde-rosso) e b (asse blu-giallo) sono compresi tra +127 e -128. Nella palette Colore i componenti a e b sono compresi tra +120 e -120.Potete usare il metodo Lab per lavorare con immagini Photo CD, modificare i valori di luminanza o colore di un'immagine, spostare le immagini da un sistema a un altro e stampare con stampanti PostScript Level 2 e 3. Per stampare le immagini Lab su altre periferiche PostScript a colori, dovete prima convertirle in CMYK.Lab è il modello di colore intermedio usato da Photoshop per le conversioni da un metodo di colore a un altro. Usa uno di due valori cromatici (bianco o nero) per rappresentare i pixel di un'immagine.

Nel metodo Bitmat: le immagini sono a 1 bit, in quanto hanno una profondità di bit pari a 1. Usa fino a 256 sfumature di grigio. Ogni pixel di un'immagine in scala di grigio ha un valore di luminosità compreso tra 0 (nero) e 255 (bianco). I valori della scala di grigio possono anche essere calcolati come percentuale di copertura di inchiostro nero (0% corrisponde al bianco, 100% al nero). Le immagini prodotte con gli scanner in bianco e nero o in scala di grigio sono visualizzate con il metodo Scala di grigio. Se intendete convertire le immagini da e in Scala di grigio, tenete presente che: Potete convertire in scala di grigio sia le immagini bitmat sia quelle a colori.Per convertire un'immagine a colori in un'immagine in scala di grigio di alta qualità, photoshop scarta tutte le informazioni sul colore dell'immagine originale. I livelli (o tonalità) di grigio dei pixel convertiti rappresentano la luminosità dei pixel originali. Crea immagini in scala di grigio a due, tre e quattro tonalità (colori), usando da due a quattro inchiostri personali.

Usa un massimo di 256 colori.Quando converte un'immagine in scala di colore, photoshop crea una tavola di ricerca del colore (CLUT, Color LookUp Table) che memorizza e indicizza i colori dell'immagine.Se un colore usato nell'immagine originale non è incluso nella tavola, viene selezionato il colore più simile o eseguita una simulazione con i colori disponibili.

Il metodo Scala di colore: limita le dimensioni della palette dei colori e quindi può ridurre le dimensioni dei file mantenendo una buona qualità visiva (ad esempio in un'applicazione per animazione multimediale o in una pagina Web). Tuttavia, questo metodo limita anche il numero di modifiche che potete apportare all'immagine. Per eseguire modifiche di una certa importanza, convertite temporaneamente l'immagine in RGB.Usa 256 livelli di grigio in ogni canale.Le immagini Multicanale sono utili per la stampa specializzata.

Effetti: photoshop si arricchisce di diversi effetti i quali vi serviranno per creare i più svariati effetti alle vostre creazioni rendendole interessanti e originali.Essi rientrano in 14 categorie generali. Applicando gli effetti a forme in scala di grigio o di colore uniforme potete generare molti sfondi e texture, che potrete successivamente sfocare. Potete provare: Aggiungi disturbo, Gessetto e carboncino, Nuvole, Conté Crayon, Effetto incrinatura, Nuvole in differenza, Vetro, Granulosità, Penna grafica, Pattern mezzetinte, Mezzatinta, Porzioni mosaico, Carta da lettere, Patchwork, Effetto punti, Effetto retinatura, Pastelli su superficie ruvida, Effetto spugna, Vetro colorato, Riempimento texture, Applica texture e Vernice di fondo. Oppure per trattare i bordi di un effetto applicato solo a una parte di un’immagine.Vi elenco qui sotto i seguenti filtri che ci serviranno per creare i nostri effetti:

Filtri Artistico
Filtri Sfoca
Filtri Tratti pennello
Filtri Distorsione
Filtri Disturbo
Filtri Effetto pixel
Filtri Redering
Filtri Contrasta
Filtri Schizzo
Filtri Stilizzazione
Filtri Texture

Filtri Artistico: Applicano un effetto pittorico per un progetto artistico. Per esempio, il filtro Effetto ritaglio è molto carino ed e' adatto per eseguire dei collage o per trattare il testo.

Filtri Sfoca: Ammorbidiscono una selezione o un’immagine. Utili per il ritocco, sfumano le transizioni facendo la media dei pixel vicini ai bordi netti delle linee definite e delle aree ombreggiate.

Filtri Tratti pennello: Come i filtri Artistico, i filtri Tratti pennello danno un aspetto pittorico o artistico con diversi effetti per il tratto del pennello e per l’inchiostro. Alcuni filtri aggiungono grana, colore.

Filtri Distorsione: Eseguono una distorsione geometrica su un’immagine, creando effetti 3D o altri effetti di rimodellazione.

Filtri Disturbo: Aggiungono o rimuovono disturbo, cioè pixel con livelli di colore distribuiti casualmente. Questo permette di fondere una selezione nei pixel circostanti. I filtri Disturbo possono creare texture inconsuete oppure rimuovere dall’immagine aree con problemi, quali polvere e grana.

Filtri Effetto pixel: Definiscono nettamente una selezione bloccando in celle i pixel con valori cromatici simili.

Filtri Rendering: Creano in un’immagine forme 3D, pattern di nuvole, pattern di rifrazione e riflessioni di luce simulate. Potete anche creare oggetti 3D(cubi, sfere e cilindri), in uno spazio. creare riempimenti texture dai file in scala di grigio per produrre effetti di tipo 3D per l’illuminazione.

Filtri Contrasta: Mettono a fuoco immagini sfocate aumentando il contrasto dei pixel adiacenti.

Filtri Schizzo: Aggiungono texture alle immagini, spesso per ottenere un effetto 3D. Questi filtri sono utili anche per creare effetti artistici o a mano libera. Molti filtri Schizzo usano il colore di primo piano e di sfondo quando ridisegnano l’immagine. Filtri Stilizzazione: Producono un effetto pittorico o impressionista su una selezione spostando i pixel nonché identificando e aumentando il contrasto in un’immagine.

Filtri Texture: Danno alle immagini un aspetto di profondità oppure aggiungono un aspetto organico.

Filtri Video: Si tratta del filtro Colori NTSC (National Television Standards Committee), che riduce la gamma dei colori a quelli accettabili per la riproduzione televisiva, e del filtro Togli interlacciato, che arrotonda le immagini in movimento catturate a video.

Ritoccare: Per aggiungere o togliere dello spazio attorno a un'immagine esistente potrete servirvi del comando "Dimesione quadro" Potete ritagliare un'immagine diminuendo il quadro. L'area aggiunta si presenta dello stesso colore o con la stessa trasparenza dello sfondo.
Per usare il comando Dimensione quadro scegliete :Immagine >Dimensione quadro.Effettuate una delle seguenti operazioni:Immettete le dimensioni desiderate per il quadro nelle caselle Larghezza e Altezza.Selezionate Relativa e immettete il valore di cui aumentare o ridurre le dimensioni del quadro (un valore negativo per ridurre le dimensioni del quadro).Per Ancoraggio, fate clic su un quadrato per indicare il punto in cui posizionare l'immagine esistente nel nuovo quadro.Fate clic su OK. Ruotare e riflettere le immagini. I comandi Ruota quadro consentono di ruotare o riflettere tutta l'immagine. Per ruotare o riflettere un'immagine intera:
Scegliete Immagine > Ruota quadro e nel sottomenu che appare scegliete uno dei seguenti comandi:180°, per ruotare l'immagine di mezzo giro.90° orario, per ruotare l'immagine in senso orario di un quarto di giro.90° antiorario, per ruotare l'immagine in senso antiorario di un quarto di giro, per ruotare l'immagine dell'angolo desiderato. Fate clic su OK.

Ritagliare le immagini: Ritagliare significa rimuovere una porzione di immagine per cambiarne l'inquadratura o rafforzarne la composizione. Potete ritagliare un'immagine con lo strumento taglierina o il comando Ritaglia. Potete inoltre tagliare i pixel usando il comando Rifila. Per ritagliare un'immagine con lo strumento taglierina Selezionate lo strumento taglierina. Rendete attiva l'immagine da ritagliare. Definite l'area di ritaglio trascinando il puntatore sopra l'immagine da conservare. L'area di ritaglio non deve essere precisa, in quanto può essere rifinita successivamente.Nella barra delle opzioni, effettuate le seguenti operazioni:Specificate se volete mostrare o nascondere l'area ritagliata. Selezionate "Nascondi" per mantenere l'area ritagliata nel file immagine. Per rendere visibile un'area nascosta, potete spostare l'immagine con lo strumento sposta. Selezionate "Elimina" per cancellare l'area ritagliata.Nota: in Photoshop l'opzione Nascondi non è disponibile per le immagini che contengono solo un livello di sfondo. Se volete ritagliare uno sfondo nascondendolo, dovete prima convertirlo in un livello normale . Se ritagliate uno sfondo e lo nascondete in ImageReady, lo sfondo viene convertito automaticamente in un livello normale. Indicate se l'area dell'immagine da eliminare o nascondere deve essere coperta da un'area oscura. Se l'opzione Oscura è selezionata, potete specificare colore e opacità dell'area oscura. Se è deselezionata, viene visualizzata la zona esterna all'area di ritaglio. Se necessario, potete modificare l'area di ritaglio:Per spostare la selezione in un'altra posizione, portate il puntatore nel rettangolo di selezione e trascinate. Per ridimensionare la selezione, trascinate una maniglia.

Per mantenere le proporzioni, tenete premuto maiusc mentre trascinate una maniglia d'angolo.Per ruotare la selezione, portate il puntatore al di fuori del rettangolo di selezione (il puntatore si trasforma in una freccia ricurva) e trascinate. Per spostare il fulcro di rotazione della selezione, trascinate il cerchio al centro del rettangolo di selezione nota: in photoshop, non potete ruotare la selezione per un'immagine in modalità bitmat. Per ritagliare un'immagine con il comando Ritaglia.Selezionate la parte dell'immagine che desiderate mantenere : Scegliete Immagine > Ritaglia. Per ritagliare un'immagine con il comando Rifila Scegliete Immagine > Rifila.

Nella finestra Rifila, selezionate una delle seguenti opzioni:Pixel trasparenti, per rifilare la trasparenza ai bordi dell'immagine, lasciando l'immagine più piccola contenente pixel non trasparenti. Colore del pixel sinistro superiore, per rimuovere dall'immagine un'area del colore del pixel sinistro superiore. Colore del pixel destro inferiore, per rimuovere dall'immagine un'area del colore del pixel destro inferiore.Selezionate una o più aree dell'immagine da rifilare: Superiore, Inferiore, Sinistra o Destra.

Sunday, September 04, 2011

Libri di Italo Svevo


- Corto Viaggio Sentimentale. LEGGILO QUI
- La coscienza di Zeno. LEGGILO QUI
- La novella del buon vecchio e della bella fanciulla. LEGGILO QUI
- Senilità. LEGGILO QUI

Saturday, September 03, 2011

Download from YouTube

[-ITALIANO-]
È molto semplice, prima di tutto devi decidere se vuoi scaricare il video completo o solamente il file audio in formato mp3.
In questo post elencherò solamente i siti che personalmente utilizzo da almeno un paio d'anni e sinceramente non ho mai avuto nessun problema. Ci sono molte persone che sentono una canzone, gli piace e non sa come scaricarla, pertanto mi son deciso una volta per tutte fare questo post.
Io mi son sempre appoggiato a Google per la ricerca, e dopo aver provato diversi siti ho iniziato ad utilizzare questi qui:
- per scaricare i video: http://keepvid.com/
- per scaricare gli mp3: http://www.listentoyoutube.com/

Alcune volte si possono trovare file protetti da qualche programma e non c'è verso di scaricarli con questi siti, però nella maggior parte dei casi si può cercare un altro video con la stessa canzone di un altro utente e lì si potrà scaricare ciò che si desidera senza problemi.

[-ESPAÑOL-]
¿Sabes cómo bajar un video o sólo el audio de un video de YouTube? Es más sencillo de lo que parece, no voy a escribir todo el rollo que escribí aquí arriba en italiano, nomás lo esencial.
Desde hace años, después varios sitios encontrados al azar, empecé a utilizar siempre estos dos:
- para bajar videos: http://keepvid.com/
A veces se pueden encontrar algunos archivos protegidos por algun tipo de programa y no hay forma de descargarlos con estos sitios, pero en la mayoría de los casos se puede buscar otro video con la misma canción de otro usuario y ahí se podrá bajar lo que se desea sin problemas.





Alcuni video su Hermosillo e sul Sonora

Qualche video che ho fatto io nel corso di questi anni 
Il primo video è girato nella piazza principale della città, si chiama Zaragoza, dove si trova anche la Cattedrale, ossia la chiesa principale della capitale dello stato.



 



Questo secondo video fa vedere il paesaggio desertico, molto diverso dall'Italia.









Questo video è stato girato il 15 Gennaio 2009 ad Aconchi dove si è tenuta la prima cavalcata del paese ufficiale

 
 




Questo filmato invece mi ritrae alla guida della macchina di mio suocero mentre stavamo tornando ad Hermosillo, dalla visita ai parenti di mia moglie ad Aconchi




Coyotas


CLICCA SULL'IMMAGINE PER INGRANDIRLA

Friday, September 02, 2011

Qualche pensiero del Venerdì

Non vogliono essere pensieri profondi bensì qualche notiziola di questa settimana, questo post finirà etichettato nel mio diario.

Questa settimana l'ho sentita davvero lunga e pesante, ad inizio settimana avevo tanti compiti e ho dovuto fare le ore piccole per poterli terminare dovendo rinunciare il poco tempo che avevo con i bimbi...

Poi il caldo... maledetto caldo... siamo tornati sui 45-46 gradi centigradi e veramente ti butta giù, le classi con l'aria condizionata sembrano stare al polo, poi esci e senti uno sbalzo termico di 15-20 gradi, sarà l'età che mi fa stancare così? Bah... fattostà che devo sopportare questo clima torrido ancora per un mesetto.

In facoltà i miei compagni hanno deciso di fare un ammutinamento scrivendo una lettera formale contro una docente che ha una brutta fama. Io sono dell'idea che comunque sia, bisogna guadagnarsi la fiducia di tal docente anche se questo è un po' schizzato o lunatico. 

Nonostante in facoltà io sia uno studente come molti altri, sulla carta sono maestro e mi sembra inappropriato fare tutto alle spalle quando la stessa prof non ha dato alcun segno di essere una cattiva docente, sono conscio del fatto che abbia avuto i suoi trascorsi, che sia stata mandata via da altri dipartimenti (divisioni universitarie - facoltà) però fino al momento in cui non si presente l'evidenza fisica mi sembra un po' disonesto, soprattutto per il fatto che la stragrande maggioranza si è mossa solo perché tale prof è conosciuta per le sue basse valutazioni. Però è anche vero che molti di quelli che hanno firmato sono dei gran fancazzisti che passano il tempo in classe parlando dei cazzi loro, però sono i primi a redigere lettere formali ed impegnarsi nel tentativo di farsi cambiare prof.

E vabbeh... ogni mondo è paese, io dico solo che non devono fare altro che studiare, non hanno nessun altro obbligo o impegno, ma trovano comunque scuse "ah... non ho fatto i compiti per questo e per quello e bla bla bla...". 

E cosa dovrei dire io? Sono studente come loro, ho poco più di un'ora libera per pranzare e poi ho altre 5 ore di lavoro, ho moglie e due figli e da due anni e mezzo a sta parte non ho saltato nemmeno un compito. Secondo me manca un po' di maturità, ma è solo un'opinione personale... tanto lo so che questa letterina la leggeranno solo un paio di persone che non hanno nulla a che vedere ma è pure un modo per sfogarmi per gridare ai quattro venti che tanti studenti universitari sono dei ragazzini, non pensano altro che a divertirsi e non pensano al proprio futuro, cercare di essere professionali fin dal momento che mettono piede in università.

Vabbeh dai, per oggi su questo argomento è tutto, sono quasi le 11 (mi stavo addormentando sul divano e poi venendo qui m'è giunta l'ispirazione di scrivere qualcosa).

Concludo dicendo che i miei tati belli adorano andare a scuola e mi fa tanto piacere che imparino (soprattutto il mio ometto) qualcosa di nuovo tutti i giorni.

'notte click

Thursday, September 01, 2011

Video su Hermosillo





Un video molto carino che permette vedere la capitale dello Stato della Sonora, Messico. Con una canzone caratteristica di questa zona.
Godetevelo e mi aspetto qualche commento.