Chi sono?

Luca Geremia nacque a Milano il 14 Febbraio 1978, crebbe, dopo brevi soggiorni in altri comuni della stessa provincia, a Cordenons nella provincia di Pordenone, in Friuli-Venezia Giulia (foto). Ha un fratello più piccolo di nome Loris.
Frequentò le scuole tra Cordenons e Pordenone fino a raggiungere il diploma di Ragioniere Programmatore.
Finite le scuole voleva la sua indipendenza economica e decise di non continuare gli studi e trovarsi un lavoro per potersi pagare le sue spese, dopo circa un anno di lavoro presso la DenaLine gli arrivò la cartolina che lo chiamava alle armi. Passò 3 mesi a Fossano (CN) (foto) per finire il Corso di Addestramento Reclute (CAR) dopodiché svolse le mansioni di Carabiniere Ausiliario nella Stazione di Montereale Valcellina (PN) sotto il comando del Maresciallo Marzullo, un'esperienza che sempre ritenne molto importante per la sua formazione, sia a livello professionale che personale. Finito il servizio militare tornò a lavorare presso la stessa ditta con una differente mansione. Rimase presso questa ditta per quasi altri 3 anni quando si licenziò per intraprendere un nuovo lavoro. Per un breve periodo lavorò per un'azienda che produceva impianti per protesi dentali, successivamente lavorò nell'assemblaggio e distribuzione per sedie d'ufficio, questo lavoro lo portò a conoscere un po' meglio l'Italia settentrionale, nonostante rimase poco tempo ritiene che sia stata una delle esperienze lavorative che gli hanno lasciato un "qualcosa". Dopo questo lavoro approdò nella zona industriale del mobile, dove rimase fino alla decisione di trasferirsi all'estero definitivamente. In questo periodo si sposò con Olivia (foto) e lei andò a vivere in Italia. Nel Maggio del 2004 offrirono a sua moglie una borsa di studio per un master e decisero che l'opzione migliore per crescere una famiglia era quella di trasferirsi in Messico, dove probabilmente ci sarebbero state più difficoltà economiche però la qualità di vita era migliore.

Nel Dicembre 2005 approdò in territorio messicano, non più come turista bensì come immigrante. Il mese successivo gli offrirono il posto di lavoro come maestro di italiano presso il Dipartimento di Lingue Straniere. Nella sua vita Luca non pensò mai di passare dall'altra parte della cattedra, però dopo i primi mesi iniziò a piacergli nonostante non si sentisse preparato professionalmente, pertanto decise di partecipare a tutti i corsi di formazione docente che potesse. Dopo qualche anno di docenza decise di riprendere nuovamente anche gli studi ed entrò nella facoltà di Piscologia dell'Università di Sonora, stessa istituzione per cui lavora. In quel periodo partecipò ad un corso che trattava la redazione di testi accademici, gli piacque talmente tanto che iniziò in quel momento alla produzione di un progetto dell'uso degli aforismi, detti popolari nella lingua italiana. Terminó il progetto nella prima metà del 2011 ed il libro "Paese che vai, usanze che trovi" vide la luce nel novembre dello stesso anno, libro che presentò in un evento nazionale il dicembre successivo.
Nel Settembre del 2011 conosce una maestra d'italiano grazie a facebook, la quale vive in Puebla (uno stato al sud della repubblica messicana) e agli inizi dell'anno successivo gli propone di partecipare ad un convegno che realizzerà l'università dove lavora, dove tutte le conferenze saranno esclusivamente in italiano. Organizzandosi bene decise di partecipare con più conferenze e ne approfittò per pubblicizzare il suo libro anche fuori da Sonora. Dopo sei anni e mezzo, nel Maggio 2012 finalmente uscì dalla Sonora per raggiungere lo stato Puebla e poi la città di Tehuacán dove si svolse l'evento. Luca quest'evento lo ritenne molto importante che marcò la sua vita lavorativa e personale.
Luca nel Dicembre 2014 finì il suo ultimo anno della facoltà di psicologia ed a Marzo dell'anno successivo ricevette la sua laurea in psicologia.
Subito dopo aver ricevuto la sua laurea, Luca si iscrisse al Supremo Tribunale dello Stato per poter essere riconosciuto come perito traduttore e dopo quasi due anni gli venne rilasciato il documento dove veniva ufficializzato. Poco dopo Luca, non contento, si iscrisse anche come perito traduttore riconosciuto dall'Ambasciata d'Italia in Messico.
Luca nell'Agosto del 2016 divenne padre per la terza volta poco dopo aver completato il suo secondo libro (In bocca al lupo) che vide la luce solo nel novembre del 2017.
Attualmente Luca è marito, padre, insegnate e blogger, dove vuole condividere con chi ha voglia di leggere, le sue esperienze, le sue mete, i suoi trionfi e le varie sfumature della sua vita lontano dalla sua terra natale.

Altro su di me:
28.06.2013 Il mio primo tatuaggio
10.12.2013 Il nome dei miei figli per sempre sulla mia pelle
09.01.2014 10 anni di matrimonio, il tatuaggio dedicato a mia moglie
01.02.2014 La mia intervista sul Gazzettino
20.05.2017 Perito traduttore per l'Ambasciata d'Italia in Messico
05.06.2017 La mia intervista su Proyecto Puente (traduzione in italiano)


No comments: