Wednesday, January 18, 2012

Il diminutivo [grammatica italiana]

IL DIMINUTIVO - Alterazione linguistica
  
Come ho detto in altri post, le spiegazioni che farò su questo blog saranno esclusivamente in italiano e faccio riferimento anche alla grammatica spagnola (messicana) per eventuali traduzioni.

Bene, iniziamo con il dire che in spagnolo esistono due forme di diminutivo, in alcuni casi la scelta del tipo è obbligatoria mentre in alcuni altri casi si può optare per una o l'altra.

Prendiamo ad esempio la parola "cigarro"
Con il diminutivo diventa cigarrito oppure cigarrillo

Un altro esempio: "chico"
Con il diminutivo diventa chiquito oppure chiquillo
(non sto a spiegare perché si usa la "q", questa non è una spiegazione della grammatica spagnola, ovviamente questo messaggio è diretto agli italiani che stanno controllando questo post).

Veniamo al diminutivo italiano

Come in spagnolo, anche in italiano esiste più di una forma, in alcuni casi la scelta del tipo di diminutivo è obbligata, mentre in altri si può scegliere tra le varie opzioni, bisogna anche dire che quando è possibile far ciò.
Iniziamo con un caso in cui è possibile più di una forma e scegliamo la parola "piccolo"
Nel primo caso con il diminutivo diventa piccolino, mentre nel secondo diventa piccoletto.

Tutte le parole (non voglio utilizzare "sostantivi" o "aggettivi" visto che include entrambi, ed altro) che finiscono con -ino (esempio bambino) hanno una scelta obbligata, pertanto il diminutivo diventa bambinetto, mentre le parole che finiscono con -to, solitamente il diminutivo è l'altro, per esempio piatto diventa piattino.

Cosa importante, a differenza dello spagnolo, non tutte le parole si possono cambiare con il diminutivo, in spagnolo si sente molto spesso il diminutivo con sostantivi, aggettivi, avverbi, insomma, almeno qui in Messico adorano l'uso del diminutivo "al ratito, despacito, tardecita, tenedorcito, nochecita, adiosito" e molti molti altri. 

Per concludere, ci sono alcune parole che sì si possono modificare con il diminutivo e che, però, sono irregolari come per esempio "sedia" un sinonimo di questo sostantivo è seggiola e pertanto la base della parola per il diminutivo si prende dal sinonimo > seggiolina.

Un altro esempio (perro) cane, (perra) cagna - per il diminutivo bisogna prendere la radice del sostantivo femminile (perrito) cagnolino, (perrita) cagnolina. Se si volesse utilizzare il sostantivo maschile diventa canino, che però ha un altro significato (è un dente, quello accanto agli incisivi; traduzione: colmillo).

Se volete avere più informazioni specifiche, in merito al diminutivo di parole "strane" potete lasciare una risposta a questo post e provvederò a darvi una risposta quanto prima.

Saluti.

Se vuoi vedere altre attività clicca QUI.

5 comments:

Akire said...

Si molto interessante questo argomento tanto tempo fa che lo cercavo pero' l'informazione non era chiara adesso mi sembra che ho capito. Beh! il diminutivo si fa con tutta la famiglia? per esempio noi messicani e' un'abitudine fare il diminutivo quasi in tutto, abuelito, papito, mamita, cuñadita... etc... si mi capisci?

Ryuu No Kokoro NEWS said...

Sì, ti capisco, e come ho scritto nel post, in italiano non si usa (o si abusa) come qui in Messico, siamo più parsimoniosi, però volendo sì... non è un errore, solamente che nessuno lo fa.

Papà -> Papino o paparino
mamma -> mammina
nonno > nonnino
zio > zietto
cugino > cuginetto
cognato > cognatino
fratello > fratellino
sorella > sorellina

e via dicendo

Akire said...

eheheh... grazie... si noi abusiamo perche tutto diminutivo... :D grazie... tutto chiaro....

Itsel said...

Ciao Luca!

Ho letto il tuo commento sul mio blog, e si io so che la situazione in Italia si trova dificile, ma l'anno scorso sono andata all'Italia e mi sono inmanorata di lei. Per questo voglio tornare, e si, magari sposarmi con un italiano. Jejeje... In fatti ho conosciuto un ragazzo quando sono stata lá, ma adesso siamo solo amici.

E sí, anch'io studio l'italino da 3 anni fa. Studio la laurea in lingue Europei alla scuola di Salvatore, dove anche lavora Gianni, e si, il tuo libro é arrivato :) ho voglia di leggerlo ma prima devo un'altro che sará pronto!

Grazie per scrivere nel mio blog!
E questa informazione che hai messo nel tuo blog mi serve molto, grazie!

:D!
Saluti da Tlaxcala!
:D!

Luca Geremia said...

Mi fa piacere che ti sia piaciuto il mio blog, tutte le attività che sono pubblicate qui sono di pubblico dominio e le puoi utilizzare quando vuoi, scaricare, stampare e lavorare come ti è più comodo. Saluti da Hermosillo.